MISSION & VISION

CHI SIAMO

MISSION

L’obiettivo del Polo Medico è quello di assicurare un punto unico di accesso ai cittadini, promuovere la presa in carico dei pazienti con patologie croniche, organizzare un sistema per l’assistenza domiciliare, sviluppare programmi di prevenzione rivolti al singolo e alla popolazione, promuovere e valorizzare la partecipazione dei cittadini, offrire formazione permanente agli operatori.

VISION

Si intende promuovere il lavoro in team, con la possibilità di garantire il coordinamento clinico, educativo, comportamentale e assistenziale necessario per affrontare i bisogni dei pazienti. Vogliamo favorire una logica di partnership tra medico e paziente nella pianificazione del percorso di guarigione, sostenere e implementare sistemi di cure integrati per superare la frammentazione dei servizi, in una logica di integrazione tra ospedale e territorio.

I NUMERI DEL POLO SANITARIO

1000 mq

Superficie

20

Ambulatori

30

Medici Specializzati

50

Visite al giorno

MERCATO

Il mercato in cui opera il Polo Sanitario è quello delle cure primarie. Gli ambiti di attività riguardano le cure domiciliari, l’assistenza di medicina generale, l’assistenza pediatrica e consultoriale, le prestazioni di specialistica ambulatoriale, i servizi rivolti agli anziani e ai disabili adulti. L’area d’interesse del Polo Sanitario è quella della medicina generale e della specialistica ambulatoriale.

STRUMENTI

L’adozione di moderni modelli di gestione per la qualità consente alla struttura di raggiungere l’obiettivo di garantire prestazioni adeguate, in un’ottica di miglioramento sistematico e continuo, allargando progressivamente il concetto di “qualità” anche ad aspetti meritevoli di una gestione più organica (la comunicazione, la privacy, l’igiene e la sicurezza degli ambienti, il rischio clinico, etc.). Per tale scopo, il  Polo Sanitario ha attivatò i percorsi di certificazione all’eccellenza.

Cambiano le persone, cambiano le malattie

UN NUOVO CONCEPT

I mutamenti anagrafici ed epidemiologici che ormai sono in atto da alcuni anni nel nostro paese, stanno impattando fortemente sull’organizzazione sanitaria. Schematicamente, essi sono riconducibili a tre grandi aree:

  • I malati affetti da patologie croniche a elevata prevalenza: più di 300.000 per milione di abitanti.
  • I malati con bisogni assistenziali complessi: circa 20.000 per milione di abitanti.
  • Garanzia di presa in carico delle richieste sanitarie d’intervento, per evitare il passaggioindiscriminato ai servizi specialistici.

Si tratta di problematiche a prevalente impatto extraospedaliero che richiedono un nuovo approccio capace di far fronte ai problemi di salute emergenti nel territorio, garantendo sistematicamente cure efficienti ed efficaci, utilizzando le risorse disponibili appropriatamente e organizzando i diversi attori in maniera coordinata.